Vai al contenuto principale

I murales di Heerlen come un grande museo a cielo aperto

Mentre gran parte del mondo sta rallentando e i musei vengono chiusi con una certa regolarità, l'arte nello spazio pubblico sta assumendo un ruolo sempre più importante. Graffitisti, artisti di strada e'muralisti' stanno usando le loro forme d'arte per esprimere bellezza, sostegno e dissenso, specialmente durante la pandemia di COVID-19.

Anche in Heerlen, dove un artista di street art sullo Spoorsingel ritrae un'infermiera durante il suo turno. Secondo l'artista stessa, la giovane donna, una lacrima nell'occhio sinistro e una maschera davanti alla bocca, solleva le seguenti domande nello spettatore: "Si toglie la maschera, è finita? O questo è solo l'inizio?'

Con decine di murales di artisti di street art nazionali e internazionali, Heerlen è stato trasformato in un grande museo a cielo aperto.

Heerlen ha una grande tradizione di Street Art che è strettamente intrecciata con la storia della città. A parte il fatto che un certo numero di 'murales' si riferiscono direttamente a questo passato, lo status di Heerlen di murale-capitale dei Paesi Bassi è indissolubilmente legato ad esso. È una politica comunale consapevole quella di dare alla street art e alle forme di arte urbana ampio spazio per far tornare a splendere la città.

Gli americani e i Koelpiet

Heerlen ha avuto la sua parte di battute d'arresto. Dopo la chiusura delle miniere, è stata invasa dalla disoccupazione di massa, e per di più è arrivato un enorme problema di droghe pesanti. Negli anni '60/'70 il sito della Hendrik State Mine a Brunssum fu trasformato in una base NATO e poi in un centro di comando per la difesa dell'Europa contro la minaccia sovietica.

La combinazione di malessere economico e la presenza di un gran numero di veterani del Vietnam traumatizzati e dipendenti ha portato a un vivace commercio di eroina in questa zona di confine. Heerlen è diventata una città della droga dove furti e furti erano all'ordine del giorno e dove la prostituzione di eroina era dilagante. La stazione fungeva da centro internazionale del commercio di droga per i turisti della droga provenienti da Germania, Belgio e Francia, causando l'estrema impoverimento dell'area circostante.

Dopo decenni di crisi, questo ambiente desolato, un centro cittadino deserto e pieno di posti vacanti, è stato trasformato in un'affascinante città d'arte. L'area della stazione è stata ristrutturata e la criminalità legata alla droga è diminuita. I tunnel bui hanno lasciato il posto a nuove architetture e il centro città è in parte grazie al Street Art rianimato.

Libero come un uccello 'Heerlen Heron'

Heerlen alla fine fu rimesso in piedi. Una rappresentazione molto appropriata di questo è il 'Heerlen Heron' degli artisti Dave de Leeuw e Vincent Lancee. Quando entri in città in treno sei accolto da questo enorme murale di un airone.

Il dipinto celebra gli sviluppi positivi che la città ha subito negli ultimi anni, invece di sottolineare un passato di chiusure di miniere, posti vacanti e fastidio (droga). La fenice sorge dai resti di un passato chiuso che è simboleggiato da tutti i tipi di oggetti riconoscibili.

È possibile vedere una croce che, secondo gli autori, si riferisce al passato cattolico del sud, un panino con salsiccia della vicina Aquisgrana, giocattoli, un telefono vecchio stile con un cavo fisso, un teschio e, naturalmente, un carrello da miniera. Uno degli elementi più notevoli dell'enorme muurschildering in bianco e nero è che non è stato utilizzato l'aerosol. L'intera parete è dipinta con vernice e pennello.

Un altro uccello che appare regolarmente in città è il corvo (o corvo) del versatile interprete DAZETWO. I suoi uccelli neri reagiscono in modo ribelle, musicale e impegnato alla vita intorno a loro e creano scene inaspettate per le strade. Li puoi trovare in tutta Heerlen, sotto forma di piccoli incollaggi o performance in forma tridimensionale.

L'opera più grande di DAZETWO è realizzata con vernice spray e sostiene di averne lasciate oltre duecento in città. Riguardo agli uccelli sulla scacchiera nella foto qui sotto, dice: "O sei libero come un uccello o devi lavorare sodo per poter sfuggire al sistema". Secondo lui, il sistema è costruito in modo tale che noi, individui, siamo sempre "scacco matto".

Capitale murale dei Paesi Bassi

Heerlen è, come detto, l'ufficiosa murale capitale dei Paesi Bassi. Dipinti di celebrità olandesi come Bier en Brood (Jelmer Noordeman e Koen Harmsma) sono intervallati da quelli di eroi internazionali.

Il lavoro 'Sintesi' di Birra e Pane ha diversi anni ma è ancora in ordine lungo la pista. Anche il soggetto del dipinto – con le sue riconoscibili linee bianche e nere e il design quasi psichedelico – non è superato ed è anche molto attuale al momento.

'Sintesi' riguarda la digitalizzazione della società e il modo in cui le persone sembrano essere cresciute insieme a tutti i tipi di dispositivi. In un momento in cui la maggior parte di noi è costretta a lavorare da casa e molto tempo davanti allo schermo a causa della pandemia, è abbastanza riconoscibile.

Poco più avanti lungo il binario troverete il colossale murale dell'artista cileno INTIA, che trae ispirazione per il suo lavoro da tutto ciò che è cileno: gli Incas, i membri delle tribù, i contadini, i cattolici e i rivoluzionari. La figura simile a un'icona in Heerlen sembra serena a prima vista, ma irradia anche una strana inquietudine da mutante.

Indossa un velo leggero con una corona di rose rosa intorno alla testa, mentre il mantello e l'abito hanno una stampa mimetica e una cintura fantasia. Cosa vuole questa signora con il cuore ardente, il ramo della pace e il libro in grembo? Heerlenaren in realtà te lo dico esattamente?

Le interpretazioni sono diverse, ma l'associazione con la religione (libro), la pace (ramo d'ulivo) e la violenza (maschera di cintura) è ovvia. Per INTI si tratta di riferimenti al passato cileno che si intrecciano con altri simboli della cultura sudamericana.

Piccole scoperte di street art

Heerlen non offre solo molto spazio grandi murales, ma anche qualche Street Art più piccola; di quelli che si nascondono un po' al passante ignaro. Per scoprire queste opere devi muoverti per la città come un vero Sherlock Holmes, la tua immaginaria lente d'ingrandimento in mano.

Per quanto trasparenti, le minuscole figure di Spencer Little sono facili da non vedere quando ci si sposta da A a B. Le intricate opere d'arte, spesso costituite da un unico pezzo continuo di filo d'acciaio e realizzate con pinze ad ago, sono fissate in alto sopra il pavimento, di solito a un lampione oa un segnale stradale.

Per un lavoro devi guardare in alto e per l'altro devi guardare indietro verso il marciapiede. Gli incollaggi in vinile di Zuko75 generalmente pendono piuttosto in alto intorno'sollevamento d'arte' per contrastare. Il bellissimo quadro, con una firma in codice Baudot – i puntini arancioni, mostra un raffinato stencil su cui si staglia dal buio la bellissima silhouette di una donna.

Devi capire che ci vuole un bel po' di tempo per produrre un'opera del genere e sarebbe un peccato se si bloccasse solo per poco tempo. Anche la banana alata un po' più in là al centro, nata da una collaborazione tra il Dr. Morph e Bazzagramz (nota anche come "la migliore banana di Londra"), è al di sopra della portata.

Un po' più all'altezza degli occhi, un rilievo di 7Emplo può essere visto in vari punti della città. I totem colorati ricordano le civiltà antiche e ogni pezzo, prima realizzato in argilla e poi colato in cemento, è dipinto a mano. Devi letteralmente inchinarti a JAUNE.

I piccoli netturbini di questo artista belga, si trovano in molti luoghi di Heerlen e attirano l'attenzione con i loro abiti da lavoro dai colori vivaci. JAUNE sa per esperienza personale qualcosa che accade raramente con i veri netturbini. Colpisce l'invisibilità delle persone in questa professione, si è molto per strada ma nessuno saluta o chiacchiera.

Come accennato, il comune di Heerlen sta facendo molto per migliorare il paesaggio urbano. 'Stichting Street Art' (precedentemente 'Heerlen Murals'), 'Arte di strada Heerlen' (piattaforma di Sanne Gijsbers anche sviluppatore della Street Art/guida della città 'PRIMA') e diverse altre iniziative hanno trasformato Heerlen in un grande museo a cielo aperto.

Offrono sia agli artisti nazionali che internazionali, così come ai talenti emergenti, l'opportunità di raggiungere un vasto pubblico. Ad esempio, quel nuovo talento ha recentemente trasformato 18 bidoni della spazzatura di strada in "contenitori d'arte', che danno ai passanti qualcosa in più da guardare.

Arte di strada di una scala diversa

Infine, torniamo al lavoro grande e meno transitorio. Per cominciare, il colossale muro di Tamara Djurovic alias Hyuro appena fuori dal centro. Questo artista è morto lo scorso novembre troppo giovane per gli effetti di una malattia debilitante. I suoi dipinti erano e sono invariabilmente di qualità senza precedenti e la sua morte ti fa capire ancora una volta che queste bellissime opere d'arte, di cui tutti noi godiamo così tanto, sono fatte da persone in carne e ossa.

Heerlerbaan foto @sannegijsbers

Hyuro, PeterSchunckstraat @sannegijsbers

La caducità dell'uomo e la temporalità della Street Art generalmente coincidono, ma appunto murales enormi rendono i loro creatori un po' immortali. L'eredità di queste imponenti opere accresce il valore eterno e quindi lo status dell'artista. Hyuro ha purtroppo ampliato prematuramente la lista dei grandi muralisti del passato – come Michelangelo, Tiziano, Correggio, Rubens, Matisse e Haring.

È proprio per questa caducità che è importante continuare a sognare e non lasciare passare inosservate le piccole cose che la vita offre. L'artista polacca Magdalena Karol vuole trasmettere questo messaggio allo spettatore con il suo lavoro.

Fagioli magici, Magdalena Karol @ccartlover

Fagioli magici, Magdalena Karol @ccartlover

È un dato di fatto che il mondo della Street Art è un riflesso della vita ed è quindi così attraente. Il linguaggio visivo evoca a volte una lacrima, a volte una risata e spesso stupore e ammirazione. il vasto pittura murale van Karol si trova nel centro di Heerlen. Nella performance si vede una figura dalle sembianze umane con enormi braccia lunghe e mani grandi. Guarda curiosamente un piccolo fagiolo verde – la fonte di nuova vita.

E così sarà la Street Art e artisti anche perire. I vecchi eroi e le eroine saranno ricordati e onorati e alla fine faranno spazio alle nuove generazioni, che a loro volta rappresenteranno il proprio ambiente con il proprio stile. Tornando alle domande all'inizio di questo pezzo: l'infermiera si toglie la maschera, è finita? O è solo l'inizio? È difficile da dire, perché nulla è imprevedibile come la vita stessa, come hai potuto sperimentare di persona nell'ultimo anno.

Non hai ancora finito di leggere sulla street art? Dai un'occhiata anche a questo blog messaggi: Arte di strada nei quartieri di Utrecht of L'origine dei graffiti ad Amsterdam.

Esperienza Heerlen-Parkstad

Quando viaggi a Heerlen, una visita al Visita il Limburgo meridionale Esperienza Heerlen-Parkstad non manca. Presso questo ufficio turistico troverete ampie informazioni, mappe e guide, souvenir e prodotti regionali ed è possibile effettuare prenotazioni o acquistare biglietti d'ingresso. Puoi anche creare la tua opera d'arte di strada sul muro di graffiti digitali permanenti e poi ammirare la tua opera d'arte attraverso una proiezione su un grande muro nell'edificio. Immagina di essere un vero artista di strada per un po' e visita il Visita il Limburgo meridionale Esperienza Heerlen-Parkstad a Spoorplein 40 a Heerlen.

Hai domande o vuoi saperne di più sulla street art?

Hai domande, commenti o suggerimenti su graffiti e arte di strada a Heerlen? Vuoi saperne di più sulla storia, prenotare un tour di street art o commissionare street art? Non esitare a contattare uno dei nostri specialisti.

Contattaci